GALLERY


 


La Valle d’Aosta ha un patrimonio naturale di rara bellezza, tutelato da un sistema di aree protette: 2 parchi , il parco nazionale Gran Paradiso e il parco naturale Mont-Avic , 9 riserve naturali, 19 siti della rete ecologica Natura 2000 e 4 giardini botanici alpini.
Particolarmente numerosi ed importanti sono i castelli.
Giuseppe Giacosa ne annovera 72 (tra castelli, caseforti e dongioni) lungo la vallata principale, senza contare le vallate minori. Storicamente i castelli hanno subito un’evoluzione.


All’inizio avevano una funzione prettamente difensiva (così si presentano i castelli primitivi dell’inizio del secondo millennio) o i castelli “gotici” del periodo tra il XIV e il XVI secolo, come il castello di Verrès o il castello di Ussel.
Parallelamente si diffusero i castelli residenziali, a scopo ostentativo, al fine di mostrare la potenza e la ricchezza del proprietario: con queste caratteristiche si presentano il castello di Fénis e il castello di Issogne.

Aosta
(580 m), si estende a ventaglio al centro della regione, in un‘ampia pianura circondata da alte montagne, tra cui il Grand Combin e il Mont Vélan a nord, il Mont Emilius e la Becca di Nona a sud e la Testa del Rutor a ovest.
Aosta sorge alla confluenza delle strade che conducono in Francia e in Svizzera attraverso i trafori del Monte Bianco e del Gran San Bernardo e, solo in estate, anche attraverso gli storici passi alpini del Piccolo San Bernardo e del Gran San Bernardo.
Per la posizione geografica di Aosta e il comodo accesso alla rete autostradale e ferroviaria, qualunque hotel ad Aosta è un buon punto di partenza per visitare la Valle d‘Aosta e per escursioni nelle regioni vicine, in Italia, Francia e Svizzera.